Home / Finanza / Come risparmiare sulla bolletta dell’acqua

Come risparmiare sulla bolletta dell’acqua

Siamo tutti d’accordo sul fatto che le bollette alte sulle utenze di luce, gas e acqua possono essere evitate, ma poi è difficile risparmiare sulla bolletta dell’acqua e adottare quotidianamente le strategie più adatte per ridurre i consumi (soprattutto quando la famiglia è numerosa e ci sono figli minori).

Anche la bolletta sull’acqua è una spesa non indifferente che può gravare sul bilancio familiare.

Ridurre gli sprechi è anche un modo per aiutare l’ambiente, quindi è importante che i bimbi imparino fin da subito a utilizzare l’acqua solo quando serve e in misura moderata.

Detto questo, come risparmiare sulla bolletta dell’acqua per evitare spiacevoli sorprese?

Consumare poca acqua solo quando è necessario è il primo consiglio da seguire.

Il consumo di acqua naturalmente dipende dalle esigenze dei membri della famiglia, se ci sono dei bambini l’utilizzo dell’acqua è più frequente e cospicuo.

Ma esistono dei modi per non sprecare l’acqua, e conviene seguirli alla lettera per risparmiare sulla bolletta dell’acqua in maniera considerevole.

Come risparmiare sulla bolletta dell’acqua in casa

  1. Prima di tutto, fate attenzione alle perdite dai rubinetti e allo sgocciolamento degli scarichi: se non ci si accorge in tempo di gocce anche saltuarie l’eccedenza sulla bolletta sarà inevitabile.
  2. La doccia è meglio del bagno in termini di risparmio di acqua, addirittura se ne consuma quattro volte in meno rispetto al bagno (che però, dobbiamo ammetterlo, è più rilassante!).
  3. Altro consiglio valido è di “riciclare” l’acqua che utilizzate per pulire frutta e verdura o quella della bollitura della pastasciutta per innaffiare le piante del giardino.
  4. Se riuscite a realizzare una piccola cisterna per raccogliere l’acqua piovana sarebbe il massimo!
  5. Succede spesso di non badare all’acqua che scorre quando si effettuano alcune operazioni come lavarsi i denti oppure depilarsi. Niente di più sbagliato, poiché occorre chiudere il rubinetto quando l’acqua non serve.
  6. Anche l’utilizzo degli elettrodomestici deve essere oculato, senza eccedere. Se il lavastoviglie o la lavatrice sono datati, allora utilizzateli solo a pieno carico.
  7. Acquistare elettrodomestici di classe energetica superiore permette di risparmiare un bel pò nel lungo termine.

Come risparmiare l’acqua calda

Anche se l’acqua è disponibile in grandi quantità, non è detto che bisogna sprecarla inutilmente.

In genere succede che, quando si desidera acqua calda, questa non è immediatamente disponibile, ma si deve lasciare scorrere un bel pò il rubinetto prima che diventi tiepida.

Questo gesto apparentemente banale in realtà fa consumare tantissima acqua inutilmente, e si traduce in uno spreco idrico non indifferente.

La causa è del sistema di riscaldamento del rubinetto ed anche dall’assenza di tubazione coibentata, che assicurerebbe l’uscita dell’acqua alla temperatura desiderata.

Per risparmiare sull’acqua calda sono stati inventati alcuni dispositivi di nuova generazione, da utilizzare sia in edifici già esistenti che di nuova costruzione. Pare che tali apparecchi siano abbastanza efficaci.

  • Chi ha lo scaldabagno elettrico deve fare particolarmente attenzione, poiché questo elettrodomestico è abbastanza “energivoro” e consuma parecchia acqua.
  • Va posizionato il più possibile accanto al sanitario che va alimentato, ben isolato dall’ambiente esterno.

Utilizzando i dispositivi giusti è più facile risparmiare sulla bolletta dell’acqua. Ad esempio, è consigliabile dotarsi di una caldaia moderna a condensazione al posto del tradizionale scaldabagno elettrico.

  • Oppure sono altrettanto utili per risparmiare sulla bolletta dell’acqua i miscelatori termostatici che mantengono costante la temperatura dell’acqua durante la fase di erogazione.
  • Si consiglia un regolare controllo del contatore per accorgersi in tempo di eventuali eccedenze.

Altra abitudine che bisognerebbe acquisire è di chiudere accuratamente il rubinetto centrale dell’impianto quando si sta lontano da casa per parecchi giorni. In questo modo si evita lo spreco di acqua in caso di guasti alle tubature durante l’assenza.